La Segnaletica invisibile è la causa di un incidente su tre

Oltre alla distrazione dei guidatori e al non rispetto dei dettami del codice della strada, un altro fattore che sta portando a un aumento del numero di incidenti sul territorio italiano è la segnaletica presente nelle nostre città. Secondo i dati raccolti dalle Associazioni nazionali, ben un incidente su tre è dovuto allo stato pietoso delle strade e un altro terzo allo stato della segnaletica, sia orizzontale che verticale, che risulta meno curata e manutenuta rispetto al passato.

 

I dati indicano che la metà dei cartelli risulta fuorilegge, secondo l’ANEIS (Associazione Nazionale degli Esperti Infortunistica Stradale), buona parte dei 12 milioni di cartelli stradali presenti nel nostro Paese risulta errata o fuorviante, mentre molti di quelli ancora in buono stato risultano coperti e poco visibili a causa della non manutenzione del verde pubblico. A questo va aggiunta anche la segnaletica orizzontale, tra cui troviamo strisce pedonali, stop, linee di arresto ecc, che vengono rifatte in modo saltuario e per la maggior parte dei casi risultano irriconoscibili o completamente sbiadite.

 

I dati ISTAT parlano in modo chiaro e inequivocabile, la distrazione e l’indecisione risultano tra le principali cause di incidente, ma gran parte dei sinistri è dovuta all’inadeguatezza della segnaletica. La distrazione, l’eccesso di velocità e la guida in stato di ebbrezza rappresentano solo il 40% dei motivi di incidenti, il 30% dipende dalla manutenzione delle strade e un altro 30% da come è strutturata la segnaletica.

 

Il pericolo per i guidatori sembra sempre più dietro l’angolo, proprio per questo è fondamentale mantenere il veicolo in sicurezza ed efficienza, prestare attenzione e avere una condotta di guida sicura su strada, ma anche affidarsi a veri professionisti del settore come UnipolSai per la sottoscrizione di una polizza di assicurazione auto, in modo da avere le maggiori garanzie e il supporto completo per ogni genere di sinistro che coinvolge la propria persona e veicolo.

 

A chi è imputabile quindi la colpa di questa maggiore incuria e minore sicurezza? Le dita sono puntate contro gli Enti che gestiscono i vari tratti di strada, che impiegano sempre meno risorse per la manutenzione delle stesse. I fondi per tali attività sono stati drasticamente ridotti, ma associazioni e automobilisti cointestano agli Enti che le maggiori entrate derivanti dalle sanzioni riguardanti autovelox e multe su strada dovrebbero essere reimpiegate per garantire alla segnaletica, e alla strada in generale, ideali condizioni di sicurezza.

 

Come sancito dal diritto, in caso di incidente causato da una scarsa manutenzione del fondo stradale o dal deterioramento o inadeguatezza della segnaletica, l’ente proprietario della strada risulta sempre responsabile. Tuttavia, l’incidente deve avere le condizioni di imprevedibilità, quindi nel caso di incidente causato da una buca si viene risarciti solo se riesce a comprovare che la stessa non risultava visibile e che era oltretutto imprevedibile, in caso contrario l’automobilista era tenuto a individuarla e schivare. Per quello che riguarda i cartelli stradali posti in modo errato, la responsabilità di un eventuale incidente causato è sempre a carico dell’Ente, purché anche in questo caso si riescano a fornire tutte le dovute prove.