Reggio: Il Questore emette altri 2 provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti dei tifosi catanesi resisi responsabili dei gravi scontri presso il porto

Continua l’azione del Questore della Provincia di Reggio Calabria dopo il deprecabile episodio del 18 febbraio scorso, relativo agli scontri tra i tifosi del “Catanzaro Calcio” e quelli del “Catania Calcio”, avvenuti presso il porto di Reggio Calabria, ove le due tifoserie si erano casualmente incontrate, in quanto la prima era diretta in Sicilia per assistere all’incontro di calcio con la squadra agrigentina dell’“Akragas”, mentre la seconda era appena sbarcata per dirigersi in Puglia ove avrebbe partecipato all’incontro con il “Monopoli Calcio”.

Il Questore Raffaele Grassi, il 10 maggio scorso ha emesso 2 ulteriori provvedimenti di D.A.SPO. nei confronti di altrettanti tifosi catanesi per la durata di anni cinque ciascuno nei confronti di C.G. cl.’88 e G.G. cl.’90, coinvolti in quello che è stato un vero e proprio episodio di guerriglia urbana, durante il quale sono stati utilizzati, per portare a termine l’aggressione, tubi in ferro, tubi in pvc, cinture e altro materiale presente in banchina, successivamente acquisito dagli operatori della Polizia di Stato, prontamente intervenuti.

Unitamente al provvedimento di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono tutte le manifestazioni calcistiche di qualsiasi serie e categoria, è stato, altresì, imposto ai predetti l’obbligo di presentazione presso l’Ufficio di Polizia competente per territorio mezz’ora dopo l’inizio del primo tempo e mezz’ora dopo l’inizio del secondo tempo di tutte le manifestazioni sportive nelle quali siano impegnate, a qualsiasi titolo, la compagine calcistica del “Catania Calcio”, convalidato dalla competente Autorità Giudiziaria.

La Polizia di Stato, nella più ampia ottica di recuperare la dimensione sociale del calcio da vivere come passione, divertimento e partecipazione, ribadisce, con l’adozione dei citati provvedimenti, la ferma volontà di bandire dalle manifestazioni sportive ogni forma di violenza, discriminazione e intemperanza.

Related Posts