Catanzaro: Principe(FLI),segnala deficienze del tratto Borgia-Simeridella nuova SS106 appena inaugurato

Non è trascorso un mese dall’inaugurazione del tratto della SS106 Borgia-Simeri Crichi che già l’importante arteria viaria, che dovrebbe consentire a decongestionare il traffico locale del Capoluogo, soprattutto in prossimità dei popolosi quartieri S. Maria e Lido, viene chiusa (a singhiozzo) al traffico per consentire lavori di ripristino (?) della sede stradale.
Non sbagliava il Ministro, nel discorso di inaugurazione, accennando alle “ricadute” dell’opera, ma forse sbagliava della natura delle stesse che, è vero, ci sono state, anzi ci sono tuttora, ma non sono assolutamente positive; mi riferisco alle “montagne russe”  cui sono costretti gli automobilisti che, ad ogni congiunzione dei segmenti stradali, seppur rispettando il limite di 70 km/h,  planano rovinosamente, rischiando di danneggiare  le proprie automobili.
Mi chiedo come sia possibile che un’opera così imponente ed importante per tutti i settori dell’economia della Provincia, con particolare riferimento al settore del turismo e del commercio, venga inaugurata, nonostante la palese presenza di imperfezioni nella esecuzione dei lavori.
Sì, perché è sotto gli occhi di tutti gli automobilisti che la percorrono quotidianamente che la strada a scorrimento veloce presenta vistose carenze di livellamento del manto stradale, una evidente deformazione della sagoma e gravi deficienze, inoltre, derivanti anche dalla scelta della mescola bituminosa che le recenti piogge hanno disgregato ed i cui effetti sono ben visibili a causa dello sfaldamento del manto stradale.
Chiedo – conclude la Principe – che i lavori di ripristino già in atto vengano conclusi nel più breve tempo al fine di limitare i disagi e che venga riconsegnata, all’Ente gestore ed ai cittadini, un’arteria sicura e funzionale ed in grado di sostenere un “definitivo” collaudo delle opere realizzate.

 

Print Friendly, PDF & Email

I commenti sono chiusi.