Calabria: Alessandro Nicolò “E’ giunto il momento di fare compiere il salto di qualità ai nostri servizi sanitari”

“I numeri da ‘esodo biblico’ della migrazione sanitaria, dalla Calabria in particolare, verso poli ospedalieri altamente specializzati fuori regione, impongono, oltre alla politica dei tagli, anche una seria programmazione con interventi significativi sul sistema della salute che registra performance, in quasi tutti i segmenti, agli ultimi posti delle classifiche nazionali”.

E’ quanto afferma il capogruppo di Forza Italia Alessandro Nicolò che evidenzia: “Se regioni affini per condizioni e problemi di partenza, sono riuscite ad intraprendere un nuovo percorso grazie ad una leale e costruttiva collaborazione fra i diversi livelli di governo e l’Ufficio del Commissario, in Calabria invece, la sanità – anche a causa della frammentazione delle competenze e delle litigiosità interne – continua a segnare il passo, ostaggio com’è di logiche partitocratiche e di veti incrociati. Ed a farne le spese sono soprattutto i cittadini che dispongono di una sanità di serie B. I nodi restano: l’impossibilità di fruire nella loro regione delle prestazioni di cui hanno bisogno o di accedere ai servizi perché costretti ad interminabili liste d’attesa. Malati che vivono situazioni drammatiche sotto il profilo umano ma anche dal punto di vista logistico ed economico, a causa della forzata permanenza lontano da casa, con i disagi di quanti si fanno carico amorevolmente di accompagnarli ed assisterli”.

“Dopo anni di spending review, secondo Alessandro Nicolò, è giunto il momento di aprire una seconda fase che, oltre a garantire i LEA e i LEP, faccia compiere quel salto di qualità ai servizi sanitari che deriva dalla valorizzazione dei punti d’eccellenza pur presenti nelle nostre realtà”.

“Non è ulteriormente procrastinabile la situazione emergenziale legata alla mobilità sanitaria che incide pesantemente, per circa 330 milioni di euro, sul bilancio della Regione. Un quadro aggravato da una persistente conflittualità tra Regione Calabria e Ufficio del commissario per il Piano di rientro che non riescono responsabilmente a tutelare il diritto alla salute e all’accesso alle cure dei cittadini” – sottolinea l’esponente politico.

“Nel comparto ‘Sanità’, la Calabria detiene diversi odiosi primati: è la peggiore regione in termini di attrattività dei ricoveri ordinari; con il più alto tasso di mortalità infantile e dove l’età media alla morte è inferiore rispetto alla media nazionale. Tra l’altro, risulta fra le regioni in cui si registrano maggiori difficoltà di accesso al pronto soccorso. Alcune punte di disagio si rilevano nei vari territori della regione ma ancora più preoccupante è la provincia di Reggio Calabria dove – alla luce della vasta dimensione territoriale e della conformazione orografica – i tempi per raggiungere i centri specializzati per servizi essenziali (come quello dei punti nascita e della rete di emergenza-urgenza per le patologie cardiologiche) superano il limite al di sopra del quale il rischio di un evento avverso cresce esponenzialmente. Un quadro sferzante di criticità che certifica la disgregazione del sistema del welfare, specie nel nostro territorio” – stigmatizza il Capogruppo di Fi.

“Gli adempimenti dei Lea; i servizi essenziali; la governance delle liste d’attesa; la sanità territoriale; la capacità d’integrazione pubblico-privato sono settori su cui in Calabria si dovrà prioritariamente intervenire mediante una attenta programmazione che punti ad un progetto organico e strutturale per la sanità pubblica in grado di assicurare – conclude Alessandro Nicolò – standard e condizioni di qualità ed efficienza e garantire il diritto alla salute dei cittadini”.

Print Friendly, PDF & Email

I commenti sono chiusi.