Isola C.R. (KR): Operazione “Black Island”, sgominata rete di spacciatori

La Polizia di Stato di Crotone, unitamente a personale della Squadra Mobile di Catanzaro, Reparti Prevenzione Crimine di Cosenza e Vibo Valentia, unità cinofile di Vibo Valentia e dal V Reparto Volo di Reggio Calabria, ha eseguito 17 misure cautelari per traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, operativo tra i comuni di Crotone, Catanzaro ed Isola Capo Rizzuto.
Le indagini, avviate dal 2015, condotte dai poliziotti della Squadra Mobile di Crotone, hanno permesso di documentare ed accertate una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti, prevalentemente del tipo eroina e marijuana, nonché metadone.
Dalle indagini è emersa la figura di uno degli arrestati, un cittadino albanese residente nel comune di Isola Capo Rizzuto, che preparava, occultava e cedeva  a terzi eroina e intrattenendo rapporti di natura illecita con vari personaggi negli ambienti del traffico di sostanza stupefacente.
Il modus operandi era sempre il medesimo:i soggetti occultavano i quantitativi di eroina nella loro disponibilità presso isolate zone di campagna provvedendo, di volta in volta, a recuperare la droga necessaria per soddisfare le esigenze dei loro clienti.
L´ingente quantitativo di stupefacente aveva consentito al gruppo criminale di allacciare illeciti rapporti con pregiudicati attivi nel centro di Catanzaro, i quali gestivano alcune piazze dello spaccio cittadino e che si rivolgevano al cittadino albanese per acquistare consistenti partite di eroina.
Nel corso dell´attività d´indagine, ricostruendo gli spostamenti degli indagati, è stato possibile riscontrare gli esiti dell´attività tecnica, rinvenendo e sequestrando in più occasioni oltre 3Kg di sostanza stupefacente del tipo eroina e oltre un etto di marijuana.
E´ stato inoltre rinvenuto, in un´area rurale in agro del comune di Isola di Capo Rizzuto, un fucile mitragliatore modello M70 – Zastava (arma di fabbricazione serba considerata una delle migliori versioni di kalashnikov prodotta in tutti i paesi del blocco sovietico e non) fornito del relativo caricatore con 21 cartucce calibro 7.62 x 39.
È stata, infine, accertata la responsabilità penale del cittadino albanese per il danneggiamento mediante incendio di un´autovettura in uso ad uno degli indagati, come ritorsione per una partita di stupefacente non pagata.


I commenti sono chiusi.